ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAGISTRATI PER I MINORENNI E PER LA FAMIGLIA
[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
L'ascolto del minore nei procedimenti civili (19.8.08)

 

L’ASCOLTO DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI CIVILI

 

di Maria Grazia Domanico

 

 

1)      PREMESSE METODOLOGICHE – LE DIVERSE FORME DI PARTECIPAZIONE DEI MINORI AI PROCEDIMENTI CHE LI RIGUARDANO

 

 

   Il tema dell’ascolto del minore è dibattuto da circa un ventennio e vi sono ormai numerosi contributi da parte della dottrina e della giurisprudenza su questo argomento.

Peraltro in Italia, Paese che “…ama molto parlare di minori ma poco che siano i minori a parlare”, questo tema è divenuto attuale solo dopo l’entrata in vigore della L. 54/2006 sull’affidamento condiviso che ha disposto, all’art. 155 sexies (intitolato poteri del giudice e ascolto del minore) che “prima della emanazione, anche in via provvisoria, dei provvedimenti di cui all’art. 155, il giudice può assumere, a istanza di parte o di ufficio, mezzi di prova. Il giudice dispone, inoltre, l’audizione del figlio minore che abbia compiuto gli anni 12 e anche di età inferiore ove capace di discernimento.”.

Per quanto riguarda i procedimenti di separazione dei genitori (coniugati o conviventi more uxorio) sono dunque state finalmente recepite le indicazioni delle convenzioni internazionali sulla necessità che si proceda all’ascolto dei minori prima che siano assunte decisioni che li riguardino.

 

continua


 



[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
© 2017 AIMMF - Tutti i diritti riservati - Avvertenze legali
Per la corrispondenza con il sito: aimmf@minoriefamiglia.it -