ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAGISTRATI PER I MINORENNI E PER LA FAMIGLIA
[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
Valentina Sellaroli: Il ruolo del P.M: nelle procedure civili minorili (6.6.04)

Seminario di studio organizzato dall'AIMMF- Zona Nord

"Rilevazione e confronto sulle prassi degli Uffici giudiziari, in relazione ad alcuni nodi critici del diritto e della procedura civile minorile"

Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 maggio 2004

IL RUOLO DEL PM NELLE PROCEDURE CIVILI MINORILI

Valentina Sellaroli*

Per anni il ruolo del PM nell’ambito delle procedure civili minorili è stato appiattito su quello che svolgeva il PM ordinario che interveniva nei procedimenti in tema di persone e famiglia, ove la legge prevedesse detta partecipazione: un intervento meramente formale, assolutamente estraneo ad un vero ruolo partecipativo e/o informativo e totalmente avulso da uno scopo particolare, fosse questo di tipo sostanziale o meramente giuridico-formale. Insomma, una mera presenza assistenza alle udienze o un mero parere all’esito di procedimenti cui non aveva partecipato e di cui “leggeva” spesso solo il trasposto cartaceo.

Anche le segnalazioni, provenissero dai Servizi sociali o dalle forze dell’ordine, venivano indirizzate al Tribunale che, svolta o meno la propria istruttoria, “passava” un tutto già in parte preconfezionato al PM che, di solito, si limitava a dare avvio formale alle procedure già individuate, più o meno esplicitamente, dal giudice o dai giudici del Tribunale, con una richiesta generica, solitamente prestampata ed estremamente sintetica. Insomma, un ruolo del tutto insignificante, opposto a quello attivo, dinamico e, forse, ideologizzato, del giudice minorile.

Enormi sono stati i cambiamenti in tal senso, tanto che si può oggi riconoscere che ci troviamo di fronte ad una vera e propria inversione di tendenza, specie alla luce della considerazione che, di recente, la tematica del ruolo del pubblico ministero nell’ambito delle varie procedure civili minorili si intreccia strettamente con la ridefinizione e la attuazione del cd giusto processo nell’ambito della procedura minorile. Infatti, è ancora in corso d’opera la riprogettazione della figura e del ruolo del pubblico ministero proprio alla luce dei concetti fondamentali e delle esigenze che le ultime riforme costituzionali e normative hanno portato anche all’attenzione degli operatori del diritto e degli stessi utilizzatori di questi strumenti giudiziari in particolare.

continua

*Sostituto Procura Minorenni di Torino



[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
© 2017 AIMMF - Tutti i diritti riservati - Avvertenze legali
Per la corrispondenza con il sito: aimmf@minoriefamiglia.it -