ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAGISTRATI PER I MINORENNI E PER LA FAMIGLIA
[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
Sospensione dei lavori alla Camera dei Deputati nella trattazione della riforma della giustizia minorile (19.10.03)

Amici dei Bambini, ANFAA, CIAI, CIES, ECPAT Italia, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, UNICEF Italia

 Comunicato Stampa

LE ORGANIZZAZIONI IMPEGNATE NELLA TUTELA DEI DIRITTI DEI BAMBINI ACCOLGONO CON FAVORE LA PAUSA DI RIFLESSIONE PREVISTA DALLA CAMERA NELLA TRATT AZIONE DELLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA MINORILE

Roma, 17 ottobre 2003 - Le Associazioni promotrici delle Linee Guida per la Riforma della Giustizia Minorile, Amici dei bambini ANFAA, CIAI, CIES, ECPAT Italia, Save the Children Italia, Telefono Azzurro e UNICEF Italia, unitamente ad Arciragazzi, CIFA, La Gabbianella, Terre des hommes Italia e Amnesty Intemational, hanno accolto con soddisfazione la decisione da parte dell ' Assemblea dell a Camera di fermare per chiarimenti la discussione dell ' A. C. 2517, la cui trattazione in aula Ŕ stata rinviata a data da destinarsi.

Le Associazioni, che il 14 ottobre scorso si sono riconfrontate sulla Riforma Castelli nel corso di un Seminario che ha avuto luogo a Roma, ritengono che la pausa consentita dal rinvio renderÓ possibile una riflessione pacata e approfondita della Riforma della giustizia minorile. Al Seminario del 14 ottobre, svoltosi presso la Provincia di Roma, hanno partecipato, oltre ai rappresentanti delle Associazioni, Giovanni Conso -Presidente dell' Accademia Nazionale dei Lincei, Pasquale Andria -Presidente dell' Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia, Marina Marino -Presidente AIAF Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori; Luigi Citarella -membro del Comitato ONU sui diritti dell 'Infanzia; Giuseppe Vuono -Presidente dell'Unione Camere Minorili, Anna Colella -Direttore dell' Agenzia Adozioni Internazionale della Regione Piemonte, Federico Palomba- Coordinatore del Forum Giustizia per i Minori, Lino Rossi, Giuseppe Magno -Consigliere della Corte di Cassazione e Paola Rossi - Presidente del Consiglio Nazionale Ordine degli Assistenti Sociali.

Le Associazioni hanno ravvisato, a conclusione del Seminario, la necessitÓ di uno stop alla trattazione in aula dell ' A.C. 2517, che non risponde al contenuto delle Linee Guida per la riforma della giustizia minorile in Italia, diffuse lo scorso 19 luglio 2002, quale indirizzo delle associazioni e ONG operanti in Italia per la tutela dei diritti dei minori.

La riforma della giustizia minorile deve basarsi su risorse economiche, umane e strutturali adeguate che consentano l'attuazione di un processo di cambiamento che migliori, potenzi e assicuri la piena efficienza del sistema giustizia, nel rispetto dei diritti dei bambini, come riconosciuti dalla Convenzione ONU sui diritti dell 'Infanzia del 1989. L' A.C. 2517, attualmente in discussione alla Camera nel suo articolato non tiene conto di tale indirizzo, pertanto dovrebbe essere riformulato per armonizzare le esigenze di rinnovamento del processo minorile con l' esigenza del rispetto dell''interesse superiore dei minori che entrano in contatto con il sistema giustizia.



[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
© 2017 AIMMF - Tutti i diritti riservati - Avvertenze legali
Per la corrispondenza con il sito: aimmf@minoriefamiglia.it -