ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAGISTRATI PER I MINORENNI E PER LA FAMIGLIA
[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
Maria Rosa Dominici: La messa alla prova, esperienza e metodologia (17.7.03)

FUNZIONE INFORMATIVA  

ESSENDOMI RESA CONTO DI COME LA CONSAPEVOLEZZA ,DA PARTE DEL MINORE, FOSSE LIMITATA PENSAI FOSSE UTILE  INFORMARE IL MINORE SULLE MOTIVAZIONI E SUI CONTENUTI GIURIDICI DEL PERCORSO.

Come primo atto,durante il primo colloquio con il minore in messa alla prova ,consegno fotocopia tratta dal C.P e dal C.P.P.  del reato commesso e della pena prevista,cercando di fare capire tramite un principio di realtà ,quale sia il significato dell’opportunità che la Messa alla Prova  consenta in reciprocità al minore e all’istituzione giuridica e giudiziaria,all’uno la resipiscenza ,all’altra la restituzione di un cittadino osservante delle leggi ,consapevole del disvalore del reato commesso.

Per la prima volta questo minore  saprà che cosa è un Pubblico Ministero ,cosa è il Comportamento Processuale, il Tribunale per i Minorenni,il Presidente,i Giudici Onorari ...continua



[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
© 2017 AIMMF - Tutti i diritti riservati - Avvertenze legali
Per la corrispondenza con il sito: aimmf@minoriefamiglia.it -