ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAGISTRATI PER I MINORENNI E PER LA FAMIGLIA
[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
Corte di Cassazione, sentenza 10 maggio 2011, n. 10265 - L'art. 317 bis c.c., comma 2, è tacitamente abrogato dalla legge n. 54/2006 (3.7.11)

Autorità giudiziaria: Corte di Cassazione 

Estensore: Campanile

Tipo e data provvedimento: sentenza  10 maggio 2011, n. 10265

Sommario: La legge 8 febbraio 2006 n. 54, con l’espressione «procedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati» (contenuta nell’articolo 4, comma 2), ha inteso disciplinare tutti i rapporti tra genitori e figli naturali, senza alcuna limitazione alle ipotesi caratterizzate da controversie in atto. Ne consegue che, stante l’esigenza di una disciplina sostanzialmente omogenea fra figli legittimi e naturali, l’articolo 317-bis, comma 2, del Cc, salva la previsione dell’esercizio della potestà da parte dei genitori conviventi, è stato tacitamente abrogato dalla legge 54/2006, risultando con la stessa totalmente incompatibile.

 

Testo: vedi 




[ HOME ] [ CERCA ] [ STAMPA ]
© 2017 AIMMF - Tutti i diritti riservati - Avvertenze legali
Per la corrispondenza con il sito: aimmf@minoriefamiglia.it -